• Marta

Una scelta per la vita


La scelta della/e lingua/e che utilizziamo per comunicare coi nostri bambini è parte integrale della genitorialità e del rapporto che vogliamo creare.

Parlare con un bambino prima che sia in grado di capire gli comunica il nostro affetto. Ed il 'codice' che scegliamo per veicolare il nostro affetto è tanto importante quanto il tono della voce, le parole, etc.

Il condividere un 'codice' speciale per comunicare con una persona rappresenta intimità e complicità. Ancora prima che un bambino distingua due lingue, egli sa che sta avendo accesso a due mondi diversi.


Per questo motivo, se un giorno dovessimo decidere di abbandonare completamente una lingua (vedi anche il mio articolo: I motivi dell'abbandono) i danni potrebbero essere enormi e duraturi nel tempo.

Diversi studi hanno infatti rivelato che il bambino vede l'abbandono di una lingua come:

  • sconfitta personale;

  • incapacità personale;

  • un suo errore;

  • un modo per escluderlo.

In poche parole, il bambino si auto-convince che il genitore abbia deciso di eliminare un canale di comunicazione perché deluso dai risultati del figlio o per escludere il figlio da quel mondo.

Come la Dott.ssa Naomi Steiner dice nel suo libro "7 steps to raising a bilingual child"

"Being forced to give up one language can be very disturbing for children emotionally..."

Sebbene gli studi in questo campo siano ancora pochi, si tende a credere che il cervello del bambino possa arrivare a reagire a questo shock:

  • dimenticando rapidamente la lingua abbandonata;

  • rifiutandosi di riprendere la lingua in un secondo momento.

Per questo motivo sono convinta dell'importanza di affrontare la scelta del bilinguismo con serietà, così da poterla portare avanti con coerenza.

#bilinguismo #difficoltà

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Il sito  è proprietà di MG Professional Linguistic Services

di Galli Marta - C.F.: GLLMRT90H47E507G P.Iva: 03269980136