• Marta

Q&A - Quando iniziare col bilinguismo



Ho ricevuto tanti messaggi in occasione del Q&A di sabato così ho deciso di raccogliere qui tutte le risposte.

Segui tutti i Q&A di bilinguismo infantile ogni sabato su Facebook.

Buona lettura e buon bilinguismo a tutti!

QUESTION # 1

Ciao , domanda .. io mando le bimbe 1h alla settimana a inglese da una ragazza .. ovviamente è poco .. in casa oltre a prendere i tuoi pdf gli faccio vedere a volte cartoni in inglese .. gloria ha tre anni e mi sembra che recepisca meglio .. Agnese sei e quest’anno dovrebbe iniziare a farlo anche a scuola .. se avrò un terzo figlio inizierò da subito ovviamente .. la domanda è vado avanti con tutte e due di pari passo o le divido ? E se inserisco il francese faccio confusione ?

Prima di tutto, ti consiglio di cercare di creare una routine in inglese che sia facile per te da seguire quotidianamente e che coinvolga le bambine. E mi permetto di sottolineare QUOTIDIANAMENTE. E' fondamentale che l'inglese diventi parte integrante della loro giornata così da poterlo man mano sentire come lingua naturale (per Gloria sarà certamente più semplice). Cerca di trovare dei momenti chiave (e ripetitivi) che si possano svolgere sempre in #TargetLanguage. Per esempio, il cartone delle 7 è sempre in inglese e così anche la prima storia della buona notte. Piccole cose, ma costanti. Differenziare il percorso non è necessario, ma dipende dagli interessi delle bambine. Mettiamo che Gloria sia innamorata di Peppa Pig e che Agnese invece voglia vedere i PJ Mask. Assecondare i loro interessi è molto utile, quindi in questo caso ti consiglio di trovare momenti distinti per i video. Per quanto riguarda il francese, ti consiglio di aspettare. Prima di introdurre una nuova #TargetLanguage assicurati di aver consolidato almeno le basi della precedente. Più concretamente, ricorda che lo scopo di una lingua è la comunicazione. Quando le bambine sono in grado di comunicare indipendentemente (anche se a livello base) nella prima lingua, allora puoi introdurre la successiva. Inoltre non sottovalutare il tempo richiesto da due #TargetLanguage. Quando sarai pronta ad introdurre il francese, prepara una bella tabella con la vostra routine e organizza le vostre giornate così da non sottrarre tempo prezioso all'inglese.

QUESTION # 2

Salve. Vorrei chiederle un consiglio. Ho un bambino di 19 mesi, ancora non parla, tranne pochissime parole in italiano (mamma, papà, grazie, ciao). Di solito io gli parlo in italiano, poche frasi in inglese. Mio marito invece essendo peruviano gli parla in spagnolo o in italiano. In ogni caso ho l'impressione che l'italiano lo capisca, ma lo spagnolo e l'inglese ancora no. Ha consigli su come migliorare l'interazione anche nelle altre due lingue considerando anche la sua età?

Innanzitutto, vi consiglio di stabilire con la maggior chiarezza possibile il ruolo di ciascuna lingua. Per esempio, il papà parla solo spagnolo col bambino, la mamma solo inglese e l'italiano è la lingua "di gruppo". E' molto importante che ci sia chiarezza e distinzione nei modi e nei momenti dedicati a ciascuna lingua. Il bambino ha bisogno di ciò per: ✔️ distinguere le lingue; ✔️ sapere che lingua utilizzare. Proprio considerando l'età del bambino è importantissimo iniziare subito questa organizzazione del #bilinguismo e delle#TargetLanguage. Più regole chiare riuscite a stabilire, più facile sarà richiedere al bambino (nel tempo) di utilizzare la #TargetLanguage corretta nell'interazione con voi.

QUESTION # 3

Buongiorno! Io ho una bimba di quasi due anni e, per quanto io abbia un’ottima conoscenza di inglese, non riesco ad essere spontanea nel parlarle una lingua diversa dall’italiano. Lei guarda i cartoni anche in inglese e le canzoncine in inglese su YouTube. Anche io le canto canzoni in inglese. Ma cosa potrei fare per migliorare l’approccio a questa lingua?

Tante volte rivolgersi per un'intera giornata ai nostri piccoli in una lingua diversa da quella madre può essere una vera e propria sfida. Per questo ti consiglio di utilizzare l'approccio "One Moment, One Language" (lo chiameremo OMOL). In pratica, puoi scegliere dei momenti della giornata che si svolgano sempre e solo in #TargetLanguage. Per esempio, ci si veste, si gioca col duplo e si fa il bagnetto solo in inglese. In questo modo puoi introdurre un approccio più interattivo alla lingua senza compromettere la comunicazione con la bimba. Con OMOL è molto importante: ✔️ scegliere attività quotidiane che tu possa ripresentare con continuità; ✔️ scegliere attività già esistenti e trasformarle in attività di #bilinguismo; ✔️ spiegare alla bimba cosa stai facendo così che non si senta spiazzata; ✔️ introdurre un'attività alla volta ed aumentare lentamente (per esempio, puoi iniziare con un'attivià e poi aggiungerne una nuova ogni settimana); ✔️ una volta che hai veicolato l'attività in inglese, non cedere mai alla tentazione dell'italiano. Ti consiglio inoltre di aggiungere alla vostra routine una storia al giorno in inglese (da aggiungere e non sostituire a quella in italiano) con belle illustrazioni che aiutino la bambina a seguirla. Usa giochi interattivi per arricchire il lessico della bimba divertendovi e giocando. Sul sito trovi tanti pack stagionali che sono stati sviluppati seguendo questo approccio.

#QampA #metodo #bilinguismo

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Il sito  è proprietà di MG Professional Linguistic Services

di Galli Marta - C.F.: GLLMRT90H47E507G P.Iva: 03269980136